Leader di tutto il mondo parteciperanno di persona al Global Cybersecurity Forum, GCF del febbraio del 2022

RIAD, Arabia Saudita--()--L’edizione 2022 del Forum globale sulla sicurezza informatica (Global Cybersecurity Forum, GCF) si svolgerà dal 1 o al 2 febbraio 2022 a Riad sotto l’alto patrocinio del Custode delle due sacre moschee, il re Salman bin Abdulaziz Al Saud.

Il tema dell’edizione 2022 del GCF, Ripensare l’ordine cibernetico globale, si soffermerà sulle questioni alla radice della sicurezza informatica ed esplorerà i modi in cui la comunità globale del settore dell’informatica può sfruttare i benefici che il cyberspazio offre all’umanità. Sulla scia del successo riscosso dalle edizioni precedenti, il GCF continuerà a crescere per affermarsi quale piattaforma globale orientata all’azione che integra la comunità globale del settore della sicurezza informatica. Attraverso i suoi eventi annuali, la ricerca continua, la predisposizione, il lancio di nuove iniziative e altro ancora, il GCF propone di catalizzare il cambiamento socio-economico, spingere i confini della conoscenza sugli aspetti fondamentali della sicurezza informatica, incentivare gli investimenti e gettare le basi per la cooperazione globale nel cyberspazio.

L’evento prevede sessioni e dibattiti interattivi e dinamici cui parteciperanno relatori di spicco, nonché decisori politici d’alto livello, leader settoriali, esperti appartenenti ad organizzazioni non governative (ONG) e organizzazioni internazionali ed esponenti del mondo accademico che contribuiranno alla conversazione esprimendo diversi punti di vista e rifacendosi alle loro esperienze personali toccando una ampia serie di sotto-temi, tra cui:

  • Evoluzione dell’ordine internazionale nel cyberspazio;
  • Stato attuale e futuro delle minacce alla sicurezza informatica;
  • Tecnologie del futuro come soluzioni per far fronte alle minacce;
  • Timensione umana della sicurezza informatica nel mondo del lavoro futuro;
  • Sfruttamento delle forze di mercato e incentivi economici;
  • Eliminazione dei divari nel cyberspazio a livello globale e rafforzamento della sicurezza informatica incentrata sugli esseri umani.

Il GCF, ospitato dall’Autorità nazionale per la sicurezza (National Cybersecurity Authority, NCA), è stato lanciato nel febbraio del 2020, durante la presidenza del Regno dell’Arabia Saudita del G20 quale piattaforma globale per la creazione di un cyberspazio più resiliente e migliore per tutti. La piattaforma enfatizza l’importanza della cooperazione internazionale tra tutte le nazioni e le parti interessate per la concretizzazione di tale obiettivo. In linea con i suddetti obiettivi, sotto il patrocinio del GCF sono stati convenuti ex capi di Stato, leader settoriali, decisori politici, rappresentanti senior di organizzazioni internazionali, rispettati esponenti del mondo accademico e leader di pensiero provenienti da tutto il mondo, nonché dirigenti dei settori finanziario, sanitario, energetico e dei trasporti.

All’emergere della pandemia di COVID, il GCF ha indetto il suo primo Dialogo virtuale intitolato “Cyberspace: What Now, What Next?” (Cyberspazio: iniziative per l’oggi e il domani) che ha destato l’interesse di oltre 250.000 persone in più di 100 Paesi diversi. Nel corso di sessioni multidisciplinari sono stati trattati diversi temi chiave per la comunità globale del settore della sicurezza informatica, tra cui incentivi economici, divario in termini di talenti, investimenti, fiducia, diplomazia informatica, sensibilizzazione integrata e prontezza d’intervento in caso di conflitti informatici.

Il team del GCF auspica di accogliere partecipanti provenienti da tutto il mondo all’evento che si terrà prossimamente per ampliare il dialogo e promuovere interventi congiunti a sostegno della creazione di un cyberspazio migliore per tutti.

*Fonte: AETOSWire

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.