Il Centro di ricerca per sistemi sicuri del Technology Innovation Institute di Abu Dhabi annuncia il lancio della prima struttura di acquisizione di immagini in movimento al di fuori degli Stati Uniti

Dr Shreekant (Ticky) Thakkar, Chief Researcher, Secure Systems Research Centre, Technology Innovation Institute (Photo: AETOSWire)

ABU DHABI, Emirati Arabi Uniti--()--Il Technology Innovation Institute (TII), il pilastro su cui poggia la ricerca applicata del Consiglio per la ricerca tecnologica avanzata (Advanced Technology Research Council, ATRC) di Abu Dhabi, ha annunciato oggi che il suo Secure Systems Research Center (SSRC) ha lanciato la primissima struttura di acquisizione di immagini in movimento (motion capture o MOPAC) nella regione. L’esclusiva struttura MOCAP dell’SSRC, ubicata al di fuori degli Stati Uniti presso la sua sede di Masdar City, permetterà di collaudare mezzi aerei senza equipaggio (unmanned aircraft system, UAS) e droni in un ambiente di realtà aumentata (augmented reality, AR) o di realtà mista.

La struttura MOCAP consentirà all’SSRC di simulare voli attraverso la città di Abu Dhabi abilitando una verità al suolo ad alta precisione per la conduzione di esperimenti sofisticati e per l’esecuzione di collaudi in ambienti di realtà virtuale, aumentata e mista. La facoltà di simulazione di immagini catturate tramite videocamere virtuali e sensori agevola l’esecuzione di collaudi in ambienti che sono troppo vasti o troppo pericolosi o la cui costruzione nella vita reale richiede troppo tempo.

La struttura di acquisizione di immagini in movimento d’alta qualità proposta per Abu Dhabi sarà in grado di eseguire tracciamenti attivi o passivi e accrescerà le attuali capacità di comunicazione, navigazione, comando e controllo. L’SSRC sta realizzando questa struttura in collaborazione con l’ateneo statunitense Purdue University, famoso per aver costruito la struttura di motion capture al chiuso più grande al mondo.

In riferimento alla rivoluzionaria struttura che consentirà la modellazione e il funzionamento di un sistema di droni autonomo e sicuro basato sul cloud, anziché meri singoli droni autonomi, in questo ambiente, il dottor Shreekant (Ticky) Thakkar, Capo ricercatore presso l’SSRC, ha dichiarato: “Questo non è che l’inizio, per quanto ambizioso, e siamo certi che riusciremo a sviluppare tecnologie che potrebbero essere in grado di limitare gli attacchi informatici dannosi al crescere della nostra dipendenza dai droni. Questi velivoli sono ormai parte integrante della vita moderna, dalla consegna ad ospedali di organi salvavita alla sorveglianza di zone ad alta sicurezza e alla disseminazione di campi fino alla consegna a domicilio della spesa.

“Questo centro di collaudo sarà usato da diversi gruppi di laboratori e ci consentirà di condurre esperimenti su un’ampia gamma di velivoli senza equipaggio di varie dimensioni, mentre le avanzate videocamere ad alta risoluzione tracceranno i piccoli oggetti presenti nell’ambiente circostante. L’SSRC si propone di sviluppare soluzioni per la sicurezza all’avanguardia per proteggere sistemi che potrebbero essere vulnerabili, come i sistemi di droni non sicuri che possono rappresentare minacce di vario tipo alla privacy e alla sicurezza di organizzazioni se non addirittura a quelle di cittadini privati. Accrescere la resilienza e la sicurezza delle piattaforme per droni è, pertanto, essenziale.”

Riferendosi alla costruzione della nuova struttura, James Goppert, amministratore delegato del Centro di collaudo e ricerca sui mezzi aerei senza equipaggio (UAS Research and Test Facility) della Purdue University, si è così espresso: “I droni autonomi stanno già svolgendo un ruolo importante nelle aree della consegna di pacchi e delle ispezioni delle infrastrutture. Con l’evolversi delle città intelligenti, garantire il funzionamento sicuro dei droni nelle aree urbane assumerà sempre maggiore importanza. Questa struttura è particolarmente adatta a sostenere il passaggio degli algoritmi per la sicurezza dei droni, dalla simulazione all’applicazione nel mondo reale, consentendo una transizione graduale degli elementi di casistica dalla simulazione pura a un ambiente virtuale e poi al mondo reale.

Il centro di collaudo sarà utilizzato sia dal Centro per la ricerca per sistemi sicuri sia dal Centro di ricerca sulla robotica autonoma (Autonomous Robotics Research Center) del TII per la conduzione di esperimenti su diversi mezzi. Quale spazio condiviso, la struttura di motion capture può ospitare da micro UAS con un peso inferiore a 10 g fino a UAS di grandi dimensioni il cui peso può arrivare a 1.000 kg, nonché diverse tipologie di UAS, da droni multi-rotore a droni elicottero e velivoli a decollo e atterraggio verticale (vertical takeoff and landing vehicle, VTOL) e velivoli ad ala fissa.

Per ulteriori informazioni sul Technology Innovation Institute, visitate www.tii.ae

Per informazioni sul Secure Systems Research Center, visitate https://securesystems.tii.ae/

*Fonte: AETOSWire

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Technology Innovation Institute
Hanz Valbuena
comms@atrc.ae

Contacts

Technology Innovation Institute
Hanz Valbuena
comms@atrc.ae