L'analisi dello studio MINDACT conferma che MammaPrint identifica accuratamente i carcinomi mammari estremamente indolenti a rischio ultra-basso

La presentazione orale all'ASCO 2021 sottolinea i dati a lungo termine con sopravvivenza specifica del carcinoma mammario a 8 anni superiore al 99% per pazienti con classificazione MammaPrint a rischio Ultra-Basso a prescindere dal rischio clinico

IRVINE, Calif. e AMSTERDAM--()--Agendia, Inc., azienda leader mondiale nel settore dell’oncologia di precisione per il trattamento del carcinoma mammario, oggi ha annunciato che i dati provenienti dallo studio di riferimento MINDACT verranno condivisi in una presentazione orale nell'ambito del Congresso annuale 2021 American Society of Clinical Oncology (ASCO). La presentazione dettaglierà un'ulteriore soglia di rischio precedentemente stabilita nella categoria a Basso Rischio di MammaPrint, identificando pazienti con un rischio di ricorrenza distante Ultra-Basso, il cui significato essenzialmente è l'elevata improbabilità che il tumore della paziente ricorra o sviluppi metastasi in almeno 20 anni di controlli, secondo studi precedenti. Queste informazioni potrebbero essere utili per personalizzare ulteriormente ili trattamento adiuvante per pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale.

Nella presentazione orale, intitolata “Outcome of patients with an ultralow risk 70-gene signature in the MINDACT trial” (Risultato nei pazienti con firma del gene 70 a rischio ultra-basso nello studio clinico MINDACT), la Dott.ssa Josephine Lopes Cardozo, MD, prima autrice dell'abstract, Candidata PhD presso il Netherlands Cancer Institute e fellow all'EORTC, spiegherà che nello studio MINDACT le pazienti con firma a rischio Ultra-Basso hanno un'ottima prognosi, con sopravvivenza specifica al carcinoma mammario a 8 anni superiore al 99% a prescindere dallo stato di rischio clinico, e un intervallo libero da metastasi distanti a 8 anni pari al 97%. La presentazione, parte del tema Carcinoma Mammario di ASCO 2021, è accessibile qui.

“La soglia Ultra-Bassa identifica le pazienti che possono essere candidate per ulteriori riduzioni graduali del trattamento”, ha affermato la Dott.ssa Lopes Cardozo. “Dare al team di assistenza sanitaria della paziente questo tipo di informazioni pronostiche al momento della diagnosi consentirà auspicabilmente a molti pazienti di evitare il trattamento eccessivo e ridurre ulteriormente il rischio di effetti collaterali pur mantenendo un ottimo indice di sopravvivenza”.

Lo studio MINDACT, un trial clinico indipendente, di fase III, prospettico, randomizzato, sponsorizzato dal European Organisation for Research and Treatment of Cancer (EORTC), è stato condotto con l'obiettivo principale di determinare se MammaPrint®, il test basato sull'espressione di 70 geni di Agendia, poteva essere utilizzato per ridurre gradualmente il trattamento chemioterapico nelle pazienti con carcinoma mammario in fase iniziale clinicamente ad alto rischio. Lo studio ha arruolato quasi 7.000 pazienti con carcinoma mammario di diagnosi recente e a un follow-up a lungo termine medio di 8,7 anni, il 46% delle pazienti clinicamente ad alto rischio con un risultato MammaPrint a Basso Rischio è riuscito ad evitare la chemioterapia senza conseguenze negative sui risultati. Questi dati sono stati recentemente pubblicati su The Lancet Oncology.

Lo studio attuale che verrà presentato al Congresso ASCO è incentrato sulle caratteristiche cliniche e sui risultati delle 1.000 donne con classificazione di rischio MammaPrint Ultra-Basso arruolate nello studio MINDACT. Come dimostrato in tre studi precedenti, presentati a partire dal 2017, questi dati mostrano una sopravvivenza specifica al carcinoma mammario pari a quasi il 100% a 8 anni, con 5 anni di terapia ormonale con antiestrogeni e ottimi risultati (97,8% DMFI) per le 157 donne a rischio Ultra-Basso che non hanno ricevuto alcuna terapia sistemica.

“La conferma dell'importanza clinica e dell'ottima prognosi della categoria a rischio Ultra-Basso di MammaPrint offre ulteriore supporto per l'inclusione di queste informazioni nella gestione della terapia endocrina, particolarmente per quelle donne che hanno gravi effetti collaterali, e che faticano a mantenere lo stesso trattamento loro prescritto”, ha dichiarato William Audeh, MD, Direttore medico di Agendia. “Siamo molto fieri di aver contribuito allo studio MINDACT di EORTC, che ha influenzato il trattamento clinico di pazienti e ispirerà la ricerca traslazionale in corso che contribuirà alla biblioteca di dati necessaria per personalizzare il trattamento del carcinoma mammario”.

Oltre a rispondere alla domanda tradizionale della chemioterapia adiuvante, lo studio MINDACT continua a produrre una grande quantità di informazioni con implicazioni cliniche immediatamente significative e accesso a una ricca serie di dati sui genomi senza precedenti da approfondire ulteriormente, con conseguenti enormi risparmi economici per il sistema sanitario.

All'ASCO 2021, Agendia ha inoltre presentato una più ampia suite di dati forniti dall'innovativo studio di fase registrativa FLEX della società, uno studio osservazionale, prospettico, su ampia scala sul carcinoma mammario che utilizza l'intero sequenziamento del trascrittoma, arruolando pazienti provenienti da vari gruppi etnici, età e generi rappresentativi della popolazione totale affetta da carcinoma mammario, parte di un impegno continuo per aumentare la rappresentazione di una diversità di popolazioni e dati nei trial clinici.

Informazioni su Agendia

Agendia è una società specializzata nell’oncologia di precisione con sede a Irvine, California, impegnata a offrire alle pazienti con carcinoma mammario nella fase iniziale e ai loro medici le informazioni di cui hanno bisogno per prendere decisioni ottimali per l’intera terapia. Attualmente offre due test per il profilo genomico disponibili sul mercato, supportati dai massimi livelli di prove cliniche e di casi reali, che forniscono informazioni genomiche complete utilizzabili per individuare il trattamento più efficace del carcinoma mammario per ciascuna paziente.

MammaPrint®, il test per la ricorrenza del tumore al seno basato sull'espressione di 70 geni, è l'unico test sul rischio di ricorrenza approvato dall'FDA, supportato da dati di esito predittivo peer-reviewed e incluso nelle linee guida terapeutiche sia nazionali che internazionali. BluePrint®, il test di sottotipo molecolare a 80 geni, è l'unico test disponibile sul mercato che valuta la biologia sottostante di un tumore per individuare i fattori che ne determinano lo sviluppo. Insieme, MammaPrint® and BluePrint® offrono un profilo genomico completo per aiutare i medici a prendere decisioni più informate in condizioni terapeutiche pre- e post-intervento.

Agendia crea innovativi test genomici basati su prove e stringe partnership con aziende rivoluzionarie per sviluppare strumenti di trattamento digitali di nuova generazione. La ricerca in corso costruisce un’enorme quantità di dati finalizzati a migliorare gli esiti per le pazienti e sostiene le esigenze cliniche in evoluzione delle pazienti con tumore al seno e dei loro medici in ogni passo del viaggio – dalla diagnosi iniziale alla fase di completa guarigione.

I test di Agendia possono essere ordinati su campioni chirurgici oppure ottenuti tramite biopsia escissionale per consentire di prendere decisioni informate sul trattamento pre- e post-operatorio. Per ulteriori informazioni sugli studi in corso e sui test di Agendia, visitare www.agendia.com.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Terri Clevenger
Westwicke/ICR Healthcare PR
Tel: 203.856.4326
Terri.Clevenger@icrinc.com

Contacts

Terri Clevenger
Westwicke/ICR Healthcare PR
Tel: 203.856.4326
Terri.Clevenger@icrinc.com