Uno studio indipendente dimostra che la Authenticated Traffic Solution di LiveRamp favorisce un ritorno sull’investimento pari a oltre il 340% per i pubblicitari

L’adozione da parte di oltre 400 publisher e 70 piattaforme a livello globale di ATS cementa la sua posizione come soluzione leader post cookie nell’ecositema

SAN FRANCISCO--()--LiveRamp® (NYSE: RAMP) la piattaforma leader nella connettività dei dati, oggi ha annunciato che la sua soluzione Authenticated Traffic Solution (ATS) è stata adottata da centinaia di publisher, brand e piattaforme in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Italia, Spagna, Germania, Australia e Giappone. Oltre 70 piattaforme di scambio e più di 400 publisher, il 70% dei quali inclusi nel Comscore 20 e il 65% nel Comscore 50, hanno adottato ATS per fornire ai pubblicitari un modo più efficiente di raggiungere i loro clienti e misurare i risultati delle loro campagne, senza usare cookie di terze parti o identificatori di dispositivo.

“Con la fine dell’uso di cookie di terze parti e di identificatori di dispositivo il settore digitale è stato rivoluzionato e, per far fronte a questa nuova realtà, ci siamo imposti di creare un’infrastruttura neutra e interoperativa. L’adozione così diffusa a livello mondiale di ATS dimostra che ci siamo riusciti”, ha detto Scott Howe, CEO di LiveRamp. “In altri termini, con ATS, publisher e pubblicitari assumono il controllo dei propri dati. Genera risultati migliori per i pubblicitari, nonché rendimenti più elevati per i publisher e fornice l’opportunità di una maggiore trasparenza. Oltre 100 brand usano ATS, inclusi clienti ottenuti tramite la collaborazione con agenzie, un numero che potrà solo aumentare.”

Publisher

I publisher sfruttano ATS per attivare l'inventario basato su persone e migliorare la monetizzazione, incluso Microsoft Advertising, il secondo publisher al mondo per dimensioni, che ha visto un incremento di oltre il 40% in CPM su impressioni autenticate. L’ampia adozione di ATS in tutto il mondo rivela che sono molti i publisher che considerano la soluzione di LiveRamp non solo redditizia per la loro attività, ma anche vitale nell’erogazione dei propri servizi a un pubblico unico e diversificato. Tra i publisher che hanno adottato ATS si annoverano: Realtor.com, CafeMedia, Tubi e The McClatchy Company negli Stati Uniti; Dennis Publishing, eBay Classifieds Group UK e IDG nel Regno Unito; Burda Community Network in Germania e Cricket Australia, il primo publisher in-app, tra i tanti altri, ad aver aderito.

  • “Al momento, i telespettatori sembra si siano integrati stabilmente negli ambienti streaming che, tuttavia, per gli inserzionisti, sono frammentati su un’ampia gamma di piattaforme per dispositivi. Raggiungere e misurare il pubblico target è per i publisher una sfida multidimensionale e poter disporre di identificatori basati sulla persona è importante per assicurare che le campange pubblicitarie siano pertinenti su canali e dispositivi”, ha detto Mark Rotblat, Direttore responsabile delle entrate presso Tubi. “LiveRamp aiuta a creare i presupposti per relazioni autenticate di prima parte con i nostri spettatori, grazie alle quali possiamo continuare a produrre esperienze che lasciano il segno, in scala.”
  • “Essere stati tra i primi ad adottare la soluzione ATS di LiveRamp in Europa non ha fatto altro che consolidare la nostra relazione con i nostri stimati publisher partner”, ha aggiunto Mandy Schwab, Direttore di Media digitali presso Burda Community Network (BCN). “Da quando abbimo integrato la soluzione ATS di LiveRamp un anno fa, abbiamo creato per i brand i presupposti per sbloccare l’opportunità di monetizzare in modo più efficace l’inventario multimediale servendoci di identità consapevoli della privacy e basate su persone.”
  • “Insieme a LiveRamp, cediamo il potere di nuovo ai publisher”, ha affermato Paul Bannister, CSO di CafeMedia. “Diamo la possibilità i nostri migliaia di brand multimediali di aumentare le loro entrate, attivando dati proprietari in modo sicuro e incentrato sulla privacy, senza la preoccupazione di un’eventuale fuga di dati, soprattutto grazie alla solida tecnologia di controllo dati dei publisher di LiveRamp. Stiamo già riscontrando come i segmenti di pubblico autenticati stiano generando rendimenti di qualità più elevata rispetto a quando usavamo i cookie di terze parti.”

Brand

Un nuovo studio Total Economic Impact™ (TEI) di Forrester Consulting, commissionato da LiveRamp, ha scoperto che gli inserzionisti che usano ATS di LiveRamps possono raggiungere un ritorno sull’investimento del 343% su tre anni con una reintegrazione dell’investimento iniziale entro soli sei mesi.

In tutto il mondo, più di 100 brand in diversi segmenti verticali hanno già riconosciuto l’urgenza di trovare un’alternativa all’obsolescenza dei dati, adottando ATS come soluzione valida e duratura per l’attivazione, la misurazione e l’attribuzione integrata su display, in-app per dispositivi mobili, TV connessa e OTT. Rispetto alle campagne che usano cookie di terze parti, i pubblicitari hanno riscontrato un notevole miglioramento con LiveRamp, tra cui:

  • Un aumento del 403% nelle prenotazioni di viaggio per una delle maggiori catene internazionali di hotel
  • Una percentuale di completamento dei video (Video Completion Rate, VCR) dell’85-95% per una non profit di spicco che opera in ambito socio-sanitario
  • Un aumento medio dell’84,3% nel ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) sostenuta da più brand lo scorso anno

Avendo concretizzato centinaia di campagne pubblicitarie dei brand nel solo primo trimestre del 2021 e con il suo approccio basato sulle persone, ATS consente la connessione con segmenti di pubblico su tutti i canali, rendendo le interazioni con i consumatori pertinenti, indirizzabili e misurabili. Man mano che i brand e le rispettive agenzie cambiavano rapidamente rotta, si sono rivolti a LiveRamp per attivare segmenti nelle piattaforme tecnologiche e publisher per raggiungere persone reali, non cookie o identificatori di dispositivo.

  • “Ancor prima del graduale abbandono dei cookie di terze parti, utilizzavamo identificatori alternativi per proporre un marketing più pertinente e migliorarne i risultati, soprattutto nelle campagne video online visto l’aumento del tempo trascorso dai consumatori in questo segmento”, ha dichiarato Manuel Cimarosti, Direttore di Analisi multimediale e strategia dei dati presso Danone. “Durante il primo test, ATS ha generato un aumento del 4% nella percentuale di completamento video, senza contare un incremento dell’efficienza del 40% nelle metriche di costo rispetto ai cookie. Questi risultati hanno un valore incommensurabile nel continuare ad aumentare la relazione proprietaria con i consumatori attraverso una molteplicità di punti di contatto e reinvestiamo i risparmi verso l’aumento della nostra portata.”
  • “Il nostro settore ha raggiunto un punto cruciale, in cui possiamo avanzare con un approccio trasparente, consapevole della privacy verso l’autenticazione utente o rischiare d’incorrere nelle stesse lacune tipiche dei cookie”, ha aggiunto Liane Nadeu, Vicepresidente senior e Responsabile di Media e investimenti di precisione presso Digitas North America. “Il nostro consiglio ai clienti è di sfruttare il tempo residuo, prima della scomparsa dei cookie di terze parti dall’ecosistema per mettere alla prova e investire in soluzioni autenticate che sosterranno la fidelizzazione del consumatore in futuro.”

Piattaforme

Con l’entusiastico consenso delle piattaforme dal momento della sua introduzione sul mercato, l’identificatore è attivo in tutte le principali supply-side platform globali, tra cui Index Exchange, Magnite, OpenX, PubMatic e più recentemente Xandr. ATS è attiva anche su tutte le demand-side platform, come Amobee, Beeswax, Criteo, MediaMath, Roku e The Trade Desk.

“ATS è progettata per resistere alla prova del tempo, consapevole delle regolamentazioni future e volta ad assicurare che ai consumatori venga offerto uno scambio di valore”, ha aggiunto Travis Clinger, Vicepresidente senior di LiveRamp di indirizzabilità ed ecosistemi. “Non c’è dubbio che le autenticazioni si traducono in inventari di maggior valore e in un migliore rendimento. Chi adotta una strategia di autenticazione oggi guadagneranno un vantaggio competitivo sostanziale sostituendo gli ID per dispositivi mobili, i cookie e altri identificatori problematici che non danno priorità alla privacy del consumatore.”

Ulteriori informazioni su ATS sono disponibili alla pagina liveramp.com/authenticated-traffic-solution.

Informazioni su LiveRamp

LiveRamp è la principale piattaforma di connettività dei dati per un uso sicuro ed efficace dei dati. Grazie alle sue capacità di risoluzione delle identità di base e a una rete ineguagliata, LiveRamp permette alle aziende e ai loro partner di collegare, controllare e attivare meglio i dati per trasformare le esperienze dei clienti e generare risultati di business più apprezzabili. L’infrastruttura completamente interoperabile e neutrale di LiveRamp offre un’indirizzabilità end-to-end per i migliori brand, agenzie e publisher al mondo. Per ulteriori informazioni visitate www.LiveRamp.com.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Michelle Millsap per conto di LiveRamp
liveramp@havasformula.com
619-857-2384

Release Summary

LiveRamp's Authenticated Traffic Solution has been adopted by hundreds of publishers, brands and platforms across the globe, delivering 340% ROI.

Contacts

Michelle Millsap per conto di LiveRamp
liveramp@havasformula.com
619-857-2384