Uno studio analizza la capacità del monitoraggio continuo non invasivo dell’emoglobina (SpHb®) di Masimo di fornire indicazioni tempestive sull’anemia e sull’impatto dell’anemia sugli esiti dei pazienti

NEUCHÂTEL, Svizzera--()--Masimo (NASDAQ: MASI) ha annunciato oggi che, in uno studio pubblicato da Injury, i ricercatori hanno utilizzato il monitoraggio continuo non invasivo dell’emoglobina SpHb® di Masimo per analizzare possibili ritardi nell’individuazione dell’anemia perioperatoria rilevata usando i valori dell’emoglobina ricavati da misurazioni invasive intermittenti di laboratorio nei pazienti più anziani sottoposti a interventi di chirurgia per frattura dell’anca.1 Costoro hanno inoltre esaminato le associazioni tra a) questo ritardo e il tempo perioperatorio complessivo nei pazienti con anemia usando il monitoraggio con SpHb e b) gli esiti dei pazienti (delirio postoperatorio e mortalità o complicanze gravi).

Il Dr. Christopher G. Clemmesen e suoi colleghi della Clinica Universitaria di Copenaghen in Danimarca hanno cercato di analizzare l’impatto dell’anemia sugli esiti dei pazienti durante gli interventi chirurgici edi vedere se il monitoraggio non invasivo dell’emoglobina con SpHb di Masimo potrebbe fornire indicazioni precoci dell’anemia perioperatoria. Essi hanno inoltre cercato di di monitorare il tempo complessivo in modo più efficace rispetto al tradizionale campionamento ematico invasivo intermittente in caso di anemia perioperatoria.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Masimo
Evan Lamb
949-396-3376
elamb@masimo.com

Contacts

Masimo
Evan Lamb
949-396-3376
elamb@masimo.com