GSMA scopre che i consumatori nei paesi in via di sviluppo sono particolarmente penalizzati dai costi elevati della banda larga

L'ultimo indice GSMA di connettività mobile evidenzia che 4 miliardi di persone rimangono ancora non connesse;
Le decisioni politiche sull'ampiezza della banda rimangono un ostacolo fondamentale all'inclusione digitale

KIGALI, Rwanda--()--I paesi in via di sviluppo necessitano di migliori politiche sui costi della banda larga per consentire di migliorare le condizioni economiche e sociali dei miliardi di persone non ancora connessi a servizi di banda larga mobile, stando a un nuovo rapporto, ‘Spectrum Pricing in Developing Countries’, pubblicato oggi da GSMA al congresso Mobile 360 – Africa svoltosi a Kigali. Lo studio rivela che i costi della banda larga nei paesi in via di sviluppo corrispondono mediamente al triplo rispetto ai paesi sviluppati, in proporzione al reddito. I costi elevati della banda larga ostacolano in maniera significativa l'ulteriore penetrazione del mercato da parte delle telecomunicazioni mobili.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Media Contacts
For the GSMA

Georgina Calle
+44 (0)207 861 0838
georgina.calle@webershandwick.com
o
GSMA Press Office
pressoffice@gsma.com

Contacts

Media Contacts
For the GSMA

Georgina Calle
+44 (0)207 861 0838
georgina.calle@webershandwick.com
o
GSMA Press Office
pressoffice@gsma.com