I nuovi dati a due anni dimostrano che il trattamento con Stelara® (ustekinumab) di Janssen ha ridotto i tassi di ospedalizzazione e interventi chirurgici nei pazienti con morbo di Crohn da moderato a grave...

  • Nuovi dati a due anni dello studio IM-UNITI dimostrano inoltre che ustekinumab ha ridotto l'esigenza di passare a un biologico alternativo

WASHINGTON DC--()--

I nuovi dati a due anni dimostrano che il trattamento con Stelara® (ustekinumab) di Janssen ha ridotto i tassi di ospedalizzazione e interventi chirurgici nei pazienti con morbo di Crohn da moderato a grave, rispetto al placebo

Le società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson hanno oggi annunciato una nuova analisi sui dati a due anni dell'estensione a lungo termine del programma IM-UNITI (LTE) STELARA® (ustekinumab), che ha dimostrato che due schemi posologici di ustekinumab (90 mg somministrato ogni 12 [q12w] e 8 [q8w] settimane) possono ridurre il rischio di ospedalizzazione e intervento chirurgico, e la necessità di un trattamento biologico, per i pazienti con morbo di Crohn (CD) da moderato a grave, rispetto al placebo.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Referente per i media
Kathleen Provinciael
Ufficio: +32 49-733-2687
kprovinc@its.jnj.com
oppure
Referente per i media
Kim Rotondo
Ufficio: +1 215-628-7166
Cell.: +1 267-994-1169
krotondo@its.jnj.com
oppure
Referente per gli investitori
Joseph J. Wolk
Johnson & Johnson
Ufficio: +1 732-524-1142

Contacts

Referente per i media
Kathleen Provinciael
Ufficio: +32 49-733-2687
kprovinc@its.jnj.com
oppure
Referente per i media
Kim Rotondo
Ufficio: +1 215-628-7166
Cell.: +1 267-994-1169
krotondo@its.jnj.com
oppure
Referente per gli investitori
Joseph J. Wolk
Johnson & Johnson
Ufficio: +1 732-524-1142