Il governo britannico annuncia finanziamenti per l’“occhio bionico” Argus II di Second Sight

SYLMAR, California e LOSANNA, Svizzera--()--Second Sight Medical Products, Inc. (Nasdaq:EYES) (“Second Sight”), un’azienda che sviluppa, fabbrica e commercializza protesi oftalmiche impiantabili che consentano di recuperare parzialmente il senso della vista a pazienti che soffrono di retinite pigmentosa (RP), oggi ha annunciato, in seguito a una raccomandazione positiva da parte di consulenti dell’autorità del governo britannico deputata al finanziamento di programmi sanitari per servizi speciali in Inghilterra, che per la prima volta nel Regno Unito il servizio sanitario nazionale, a finanziamento pubblico, erogherà i fondi necessari per sottoporre pazienti che soffrono di RP all’impianto della protesi retinale, nota anche come “occhio bionico”, Argus® II Retinal Prosthesis System (Argus II).

Il servizio sanitario nazionale britannico ha annunciato che un gruppo scelto di pazienti che soffrono di retinite pigmentosa a uno stadio avanzato e che quindi hanno perso in misura notevolissima il senso della vista, potranno avere accesso a Argus II, il primo e solo trattamento al mondo utilizzato ordinariamente per tale grave condizione. Sono previsti due centri di impianto: il Manchester Royal Eye Hospital e il London’s Moorfields Eye Hospital, rispettivamente nel Nord e nel Sud dell’Inghilterra. Gli ospedali e Second Sight forniranno anche servizi di follow-up, riabilitazione e supporto ai pazienti che riceveranno un impianto Argus II.

Argus II sarà finanziato tramite il programma CtE (Commissioning through Evaluation), progettato particolarmente per trattamenti che offrano un’ottima prospettiva, mentre i nuovi dati clinici e sull’esperienza dei pazienti saranno raccolti attraverso un programma di valutazione formale. Argus II viene già rimborsato nell’ambito di un analogo programma “copertura con sviluppo comprovato” in Francia, denominato “Forfait Innovation” in cui i pazienti hanno tratto vantaggi dal trattamento Argus II.

Will McGuire, Presidente e Amministratore delegato di Second Sight, ha affermato: “Questa è una pietra miliare per Second Sight poiché siamo la sola azienda in grado di dimostrare, in termini di rapporto vantaggio-rischio, risultati favorevoli a lungo termine, fino a cinque anni dopo l’impianto per alcuni pazienti sofferenti di RP. È noto che il servizio sanitario nazionale britannico deve far fronte a notevoli vincoli in relazione alle spese e che inoltre è estremamente selettivo nell’adozione di tecnologie innovative, che devono dimostrare di offrire vantaggi che compensino i finanziamenti necessari. Ci aspettiamo che questa decisione sarà osservata in tutto il mondo da altri enti di servizi sanitari.”

Il Professore Paulo Stanga del Manchester Royal Eye Hospital, University of Manchester and Manchester Vision Regeneration (MVR) Lab presso la struttura NIHR/Wellcome Trust Manchester Clinical Research Facility, che ha svolto un ruolo cruciale nel consentire a pazienti presso il servizio sanitario nazionale di avvalersi dell’“occhio bionico”, ha così commentato: “ Sono lietissimi che la nostra ricerca pionieristica abbia fornito la prova a sostegno della decisione, da parte del servizio sanitario nazionale britannico, di finanziare per la prima volta l’“occhio bionico”. Ho visto di persona come questa tecnologia sia stata vantaggiosa per i pazienti che soffrendo di RP a uno stadio avanzato sono completamente ciechi, cambiandone la vita. Viviamo in un mondo in cui il senso della vista non è mai stato così prezioso, così che è rassicurante per una persona completamente cieca recuperare parzialmente il senso della vista; è un’affermazione della vita. Si tratta di una decisione fantastica. E per le famiglie dei pazienti, rappresenta anche un trattamento che migliora la qualità della vita, poiché può comportare un grado di dipendenza inferiore per i loro cari.”

Il Professor Lyndon da Cruz, MD, PhD, Consultant Retinal Surgeon presso Moorfields Eye Hospital NHS Foundation Trust, che insieme al Prof. Stanga, per oltre cinque anni ha sostenuto la necessità di finanziamento del trattamento da parte del servizio sanitario nazionale, ha affermato: “Per pazienti che soffrono di RP al punto di essere quasi ciechi, i vantaggi a lungo termine assicurati da Argus II per quanto riguarda il ripristino parziale del senso della vista possono essere tali da cambiare la vita. Probabilmente l’aspetto più interessante è la possibilità offerta da Argus II di migliorare le funzionalità visive dei pazienti. Grazie a Argus II, alcuni pazienti possono svolgere attività che non sarebbero possibili senza il dispositivo. Il nostro lavoro al Moorfields ha mostrato che per alcuni pazienti queste modifiche permangono per molti anni dopo l’impianto e rappresentano un trattamento stabile ed efficace. Questo finanziamento sottolinea l’ambizione del governo di posizionare il Regno Unito come un leader globale nell’innovazione medica.”

Second Sight continua la sua attività pionieristica con l’obiettivo di ripristinare il senso della vista in pazienti che soffrano di ogni tipologia di cecità intrattabile. La sua ricerca sulla degenerazione maculare legata all’età (DMLE) nel Regno Unito continua. Nel 2015, il Manchester Royal Eye Hospital in Inghilterra ha impiantato il dispositivo in molti pazienti affetti da DMLE, una malattia più complessa della RP. Negli Stati Uniti, Second Sight collabora con la UCLA e recentemente ha eseguito l’impianto e l’attivazione di uno stimolatore corticale visivo wireless in un soggetto umano.

Informazioni sul sistema di protesi retinica Argus® II

Il sistema Argus II di Second Sight genera stimoli elettrici che bypassano le cellule retiniche morte e stimolano quelle vitali rimanenti inducendo la percezione visiva in persone che soffrono di retina pigmentosa da grave a profonda. Argus II converte le immagini acquisite da una videocamera miniaturizzata montata sugli occhiali del paziente in una serie di impulsi elettrici di ridotta intensità, che vengono trasmessi in modalità wireless a un array di elettrodi impiantati sulla superficie della retina. Gli impulsi hanno lo scopo di stimolare le cellule rimanenti della retina, causando la percezione di schemi luminosi nel cervello. Il paziente apprende quindi a interpretare questi schemi visivi, recuperando così alcune funzionalità visive. Argus II è la prima retina artificiale ad avere ricevuto approvazione molto diffusa. Viene offerto in centri approvati di numerosi Paesi: Arabia Saudita, Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Stati Uniti, Spagna, Svizzera e Turchia.

Informazioni su Second Sight

La mission di Second Sight è sviluppare, fabbricare e commercializzare innovative protesi oftalmiche impiantabili che mettano in grado le persone cieche di ottenere un grado di indipendenza maggiore. Second Sight ha sviluppato e fabbrica l’“occhio bionico” Argus® II Retinal Prosthesis System. È stato completato il reclutamento in una sperimentazione clinica della sicurezza e utilità di Argus II in persone affette dalla forma atrofica della degenerazione maculare legata all’età. Second Sight sta anche sviluppando la protesi corticale oftalmica Orion™ I per restituire parzialmente il senso della vista a persone cieche per cause differenti da condizioni prevenibili o trattabili. La sede centrale statunitense è a Sylmar, California, mentre la sede centrale europea è a Losanna, Svizzera. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.secondsight.com.

Numero verde (nel Regno Unito): 0800-520-0925

Dichiarazione relativa alla clausola di salvaguardia “Safe Harbor”

Il presente comunicato stampa contiene affermazioni previsionali come indicato nella Sezione 27A della legge Securities Act del 1933, compresi gli emendamenti, e nella Sezione 21E della legge Securities Exchange Act del 1934, compresi gli emendamenti, che rientrano nella clausola di salvaguardia “Safe Harbor” creata da tali sezioni. Tutte le affermazioni di questo comunicato stampa che non siano basate su fatti storici costituiscono ‘affermazioni previsionali’, identificabili da parole ed espressioni quali ‘si stima’, ‘si prevede’, ‘si pianifica’ o ‘pianificato’, ‘cerca di’, ‘potrebbe’, ‘farà’, ‘si aspetta’, ‘intende’, ‘ritiene’, ‘dovrebbe’ ed espressioni analoghe o le rispettive versioni di negazione e che potrebbero anche essere identificate dal contesto. Tutte le affermazioni che si riferiscono a risultati operativi oppure a eventi o sviluppi che Second Sight si aspetta o prevede che si verificheranno, costituiscono affermazioni previsionali. Sebbene la dirigenza abbia basato qualsiasi affermazione previsionale compresa in questo comunicato stampa sulle proprie aspettative attuali, le informazioni sulle quali si appoggiano tali aspettative possono cambiare. Le affermazioni previsioni comportano rischi e incertezze intrinseci che potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano in modo sostanziale da quelli indicati dalle affermazioni previsionali, in seguito a vari fattori, compresi i rischi e le incertezze descritti nei capitoli Risk Factors e Management’s Discussion and Analysis of Financial Condition and Results of Operations della nostra relazione annuale presentata sul modulo 10-K l’11 marzo 2016, modificata l’8 agosto 2016, e di nostre altre relazioni presentate saltuariamente alla Securities and Exchange Commission. Esortiamo i lettori a considerare tali rischi e incertezze al momento di valutare le nostre affermazioni previsionali. Avvisiamo i lettori di non fare eccessivo affidamento su queste affermazioni previsionali, che fanno riferimento soltanto alla data in cui vengono rilasciate. Eccetto come altrimenti richiesto dalle leggi federali degli Stati Uniti concernenti i titoli azionari, decliniamo qualsiasi obbligo o impegno a rilasciare pubblicamente qualsiasi aggiornamento o revisione di affermazioni previsionali contenute nel presente documento (o altrove) per rispecchiare eventuali cambiamenti nelle nostre aspettative in relazione a ciò o eventuali cambiamenti intervenuti in eventi, condizioni o circostanze sui quali sono basate tali affermazioni.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Per conto di Second Sight
Rapporti con gli investitori:
Investitori istituzionali
In-Site Communications, Inc.
Lisa Wilson, 212-452-2793
Presidente
lwilson@insitecony.com
o
Investitori individuali
MZ North America
Greg Falesnik, 949-385-6449
Direttore generale
greg.falensik@mzgroup.us
o
Rapporti con i media:
Pascale Communications, LLC
Allison Howell, 412-228-1678
Direttore account senior
allison@pascalecommunications.com
o
Gloucester Road Communications UK
Amanda Hayhurst, + 44 772 0205581
Amanda@amandahayhurst.com

Contacts

Per conto di Second Sight
Rapporti con gli investitori:
Investitori istituzionali
In-Site Communications, Inc.
Lisa Wilson, 212-452-2793
Presidente
lwilson@insitecony.com
o
Investitori individuali
MZ North America
Greg Falesnik, 949-385-6449
Direttore generale
greg.falensik@mzgroup.us
o
Rapporti con i media:
Pascale Communications, LLC
Allison Howell, 412-228-1678
Direttore account senior
allison@pascalecommunications.com
o
Gloucester Road Communications UK
Amanda Hayhurst, + 44 772 0205581
Amanda@amandahayhurst.com