Conquest raccoglie 115 milioni di euro alla prima chiusura del fondo europeo di beni immobili rinnovabili

LUSSEMBURGO--()--Conquest ha completato una chiusura iniziale per il suo fondo di energia rinnovabile, con 115 milioni di euro come risultato di sollecitazioni e impegno da parte di investitori istituzionali europei, comprese società assicurative, fondi pensionistici, banche e aziende energetiche a livello globale.

In un mercato volubile, con rendimenti di titoli di Stato a lungo termine storicamente bassi, soddisfare i requisiti di correlazione delle attività e passività di investitori istituzionali di tutto il mondo è una sfida. Il settore delle infrastrutture alternative, e dei real asset rinnovabili in particolare, sta sempre più fornendo opportunità per realizzare rendimenti a lungo termine meno correlati e legati all'inflazione.

Conquest Renewable Yield Europe si avvale di una strategia ventennale di realizzazione di capitale in beni immobili di energia rinnovabile OCSE, con un'attenzione primaria sui portafogli di aree dismesse destinate alla produzione di energia solare ed eolica in Europa Occidentale. Il fondo realizzerà un rendimento annuale continuo per gli investitori, con un'esposizione debitoria unlevered (operativa) o ridotta, oltre a un TIR target in uscita in linea con le aspettative del settore.

Frédéric Palanque, Amministratore Delegato di Conquest, ha così commentato: “I beni immobili infrastrutturali, come le fonti di energia rinnovabile, offrono questo esclusivo profilo di cash flow a lungo termine prevedibile e sostenibile, che gli investitori istituzionali tendono a rispecchiare nelle loro strategie ALM. Siamo convinti che il fondo rivoluzionerà l'attuale scenario delle infrastrutture, con gli investitori che trarranno vantaggio da un ROI simile a un "Super titolo" ultraventennale, adatto alle istituzioni con un orizzonte di investimenti a lungo termine che cercano rendimenti fissi a prova di inflazione. Tuttavia, il fondo è anche strutturato per offrire la flessibilità di uscita necessaria per gli investitori che necessitano di una mediazione precoce, dopo almeno 10 anni”.

“Gli investitori europei hanno dimostrato di essere aggressivi nel settore degli asset di energia rinnovabile, guidati dall'investimento in nuove capacità di produzione energetica per sostituire strutture obsolete, con soluzioni economiche che rispondono alle esigenze dettate dai cambiamenti climatici”, ha sottolineato Stéphane Wattez-Richard, Dirigente presso Conquest. Questa prima chiusura è una conferma della fiducia nell'esperienza di Conquest sullo scenario delle infrastrutture e nelle opportunità di sviluppo dei beni immobili nelle aree dismesse offerte dal fondo, che porteranno presto a transazioni e presenteranno occasioni di coinvestimenti.

Informazioni su Conquest:

Conquest è una società indipendente di consulenza e gestione patrimoniale con grande esperienza in un'ampia gamma di transazioni internazionali e situazioni strategiche. I clienti e gli investitori si fidano dell'esperienza di Conquest nella fornitura di soluzioni attente e su misura che contribuiscono a realizzare i loro obiettivi strategici e finanziari.

Informazioni su Conquest

http://www.conquest.group

Le informazioni contenute nel presente comunicato stampa non possono essere riprodotte, copiate o trasferite senza previo consenso di Conquest. Le informazioni contenute nel presente comunicato stampa non costituiscono né formano parte di un'offerta o sollecitazione di offerta di titoli, consulenza su investimenti o un'offerta o sollecitazione di servizi di consulenza

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Informazioni per la stampa:
Zada Lau
press@conquest.group

Contacts

Informazioni per la stampa:
Zada Lau
press@conquest.group