Xeltis completa il secondo studio clinico di fattibilità su una tecnologia per dispositivi cardiovascolari bioassorbibili

Xeltis sviluppa i primi vasi e valvole cardiache progettati per consentire la rigenerazione dei tessuti endogeni

ZURIGO, Svizzera--()--Xeltis ha completato con successo il secondo studio di fattibilità in poco più di tre mesi, con risultati positivi della sua tecnologia per impianti cardiovascolari bioassorbibili sui pazienti a un anno dall'intervento chirurgico. Xeltis è in assoluto il primo produttore di dispositivi medicali a sviluppare vasi e valvole cardiache progettati per la nuova categoria terapeutica Endogenous Tissue Restoration (ETR) di rigenerazione dei tessuti endogeni.

I prodotti Xeltis sono realizzati in polimeri bioassorbibili strutturati come matrice porosa e fungono da valvola o da altro componente cardiovascolare dopo l'impianto, permettendo la rigenerazione dei tessuti endogeni (ETR) a mano a mano che questi ultimi riassorbono il dispositivo a seguito dei naturali processi di rigenerazione dell'organismo.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Xeltis
Laura Bertossi Monti, +44 755 442 5402
laura.monti@xeltis.com

Contacts

Xeltis
Laura Bertossi Monti, +44 755 442 5402
laura.monti@xeltis.com