I sistemi energetici sono ancora lontani dalla sostenibilità, avverte un rapporto del Consiglio Mondiale dell'energia

DOHA, Qatar--()--L'Indice annuale di sostenibilità energetica del Consiglio Mondiale dell'energia (WEC) rivela che la maggior parte degli oltre 90 Paesi valutati sono ancora lontani dal raggiungere sistemi energetici totalmente sostenibili.

Pubblicato al COP-18 in corso a Doha, l'Indice è compreso nel rapporto 2012 World Energy Trilemma del WEC intitolato “Time to get real – the case for sustainable energy policy” ("E' ora di fare sul serio - la tesi di una politica energetica sostenibile"), che classifica i Paesi secondo il clima e le prestazioni energetiche. Secondo il rapporto, la maggior parte dei Paesi ancora non è riuscita ad equilibrare le pressioni contrastanti di ciò che il WEC chiama il ‘trilemma energetico’.

Lo studio ha inoltre intervistato la comunità globale leader del settore del WEC su ciò che viene richiesto ai responsabili delle decisioni per portare energia sostenibile ai 7 miliardi di abitanti del pianeta.

Joan MacNaughton, Direttore Generale dello studio:

“Alla fine è la comunità aziendale a comprendere meglio ciò che funziona in pratica e a prendere le decisioni cruciali di investimento. Al momento stiamo chiedendo ai governi di esaminare questo rapporto e collaborare con la comunità aziendale per creare politiche chiare, trasparenti e coerenti che producano i risultati previsti.”

Le raccomandazioni del leader del settore saranno oggi condivise con la comunità dei ministeri e dei responsabili delle politiche del WEC con raccomandazioni associate per un sistema di energia più sostenibile da presentare al World Energy Congress del 2013 che si terrà nella Corea del Sud.

Mark Robson, Socio presso Oliver Wyman e socio di progetto dello studio:

“Gli investimenti privati in progetti per infrastrutture energetiche e a basso consumo di carbonio hanno registrato un enorme calo. Questo deficit è colmabile, ma al momento rappresenta un'opportunità persa. Il nostro rapporto spiega chiaramente che il settore si rivolge ai responsabili delle politiche perché garantiscano che i loro investimenti non diventino non-economici a conseguenza di cambiamenti di politiche. Pertanto, i responsabili delle politiche devono creare politiche che rimangano stabili nel tempo e siano associate ad altre politiche.”

Analizzando 22 indicatori diversi, l'Indice di sostenibilità energetica del WEC classifica i Paesi ai primi 10 posti per prestazioni nel 2012, nell'ordine: Svezia, Svizzera, Canada, Norvegia, Finlandia, Nuova Zelanda, Danimarca, Giappone, Francia e Austria. Tuttavia, anche i campioni devono fronteggiare sfide, e attraversando fasi di sviluppo i Paesi possono incontrare difficoltà in determinate aree.

Pierre Gadonneix, Presidente WEC:

“Tutti i Paesi si trovano a fronteggiare sfide nella loro transizione verso sistemi energetici più sicuri, più rispettosi dell'ambiente, e più equi. Per avere anche solo una possibilità di creare energia sostenibile per tutti, dobbiamo fare sul serio.”

Il rapporto e il video sono scaricabili da www.worldenergy.org

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Contacts

Stuart Neil
Direttore delle Comunicazioni
neil@worldenergy.org
(+44)7879998261

Sharing

Contacts

Stuart Neil
Direttore delle Comunicazioni
neil@worldenergy.org
(+44)7879998261